Montagna: hai la vaga idea?

Montagna: hai la vaga idea?

Il dubbio ce l’avevo già qualche anno fa. Avevo visto un curioso film intitolato L’inglese che salì la collina e scese da una montagna (The Englishman Who Went Up a Hill But Came Down a Mountain, 1995). È una commedia dallo humor tipicamente anglosassone ambientata durante la prima guerra mondiale: nello sperduto villaggio di Taff’sLeggi di pià a riguardoMontagna: hai la vaga idea?[…]

Condividi
Cosa producono le Alpi? Una montagna di immagini.

Cosa producono le Alpi? Una montagna di immagini.

Sei un’alpinista? No. Un’atleta? No. Climber? No. Runner? Nemmeno. L’equazione risulta immediata. Appena rivelo di scrivere un blog di montagna vengo investita da una serie di domande che sfociano sempre nell’identico interrogativo: come puoi scrivere di montagna se non sei una professionista della montagna? In rete potete trovare tantissimi siti con un taglio decisamente specialisticoLeggi di pià a riguardoCosa producono le Alpi? Una montagna di immagini.[…]

Condividi
Immagina, puoi. Fino a che punto?

Immagina, puoi. Fino a che punto?

Uno slogan ormai consolidato recita: “immagina. Puoi”. Ma cosa immagino? Cosa determina i contenuti di quel serbatoio di idee, valori, principi che orientano le possibilità del mio agire? L’immaginario è fatto di immagini. Della realtà? Molto spesso non della concretezza percepita in modo diretto, ma filtrata da uno schermo: trascorriamo 417 minuti al giorno aLeggi di pià a riguardoImmagina, puoi. Fino a che punto?[…]

Condividi
2018: Alpi Cozie verso un turismo sensazionale, non sensazionalistico

2018: Alpi Cozie verso un turismo sensazionale, non sensazionalistico

A colazione mangio pane ed assonanze: mi piacciono i giochi di parole, eppure questa volta non è opera mia. La felice espressione “turismo sensazionale” è stata coniata da Giulio Beuchod, Presidente del Collegio delle Guide Alpine del Piemonte e rappresentante dell’Associazione T.R.I.P. Montagna, nell’ambito del convegno “Turismo ambientale, culturale e religioso nelle Alpi Cozie”, SabatoLeggi di pià a riguardo2018: Alpi Cozie verso un turismo sensazionale, non sensazionalistico[…]

Condividi
LIBERA I PIEDI. LA MENTE SEGUIRA’.

LIBERA I PIEDI. LA MENTE SEGUIRA’.

Questa storia ha vinto il premio speciale al Blogger Contest 2017 CLICCA QUI e lascia un commento: grazie!   “Marciavamo con l’anima in spalle”. La canzone mi risuona nella testa e mi porta a ritmare ogni passo con una strofa. Si procede così, in salita, faticando come quei ragazzi che lassù combatterono per la libertà.Leggi di pià a riguardoLIBERA I PIEDI. LA MENTE SEGUIRA’.[…]

Condividi
MONTAGNA LUXURY? MI PIACE. NON MI PIACE. ECCO PERCHE’.

MONTAGNA LUXURY? MI PIACE. NON MI PIACE. ECCO PERCHE’.

“Da te mi sarei aspettato un articolo!”. Parola dell’attento Beppe Leyduan di Camosci Bianchi. Qualche tempo fa mi aveva segnalato quest’immagine della campagna promozionale di Moncler postata su Twitter da Luca Calzolari. Ed io? Niente! Come mai? In prima battuta ho avanzato le classiche scuse: “il lavoro, sono molto impegnata, ho un corso che finisceLeggi di pià a riguardoMONTAGNA LUXURY? MI PIACE. NON MI PIACE. ECCO PERCHE’.[…]

Condividi
Sublimi altezze. Alpinistiche? Musicali?

Sublimi altezze. Alpinistiche? Musicali?

Le sublimi altezze. Alpinistiche e musicali. L’estate 2017 vede, sempre più, il felice connubio tra musica e montagna. In Valle D’Aosta circa seimila persone hanno assistito alla performance di Francesco Gabbani ai 1600 metri d’altitudine di Les Druges di Saint-Marcel per la rassegna Musicastelle Outdoor. Il Summer Camp di Rockin1000 approda in Val Veny conLeggi di pià a riguardoSublimi altezze. Alpinistiche? Musicali?[…]

Condividi
Paysage à Manger. Fare la differenza è fare la diversità

Paysage à Manger. Fare la differenza è fare la diversità

Gaia, per lo scienziato James Lovelock, è il pianeta che respira all’unisono e abbraccia ogni suo essere. E noi cosa facciamo? Vogliamo sottrarci alle leggi del biologico: applichiamo alla vita le leggi del meccanico, credendo di poter ridurre all’uniformità ciò che per sua natura è mutevole in una miriade di forme. Così facendo abbiamo trasformatoLeggi di pià a riguardoPaysage à Manger. Fare la differenza è fare la diversità[…]

Condividi
La conquista più grande? Desiderare qualcosa senza la certezza d’ottenerla

La conquista più grande? Desiderare qualcosa senza la certezza d’ottenerla

Secondo lo psicologo Carl G. Jung la molla nascosta dell’agire umano è costituita dalla volontà. Niente di straordinario: tutto ciò è piuttosto intuitivo, ma il genio viennese aggiunge anche che la volontà nasce e si sviluppa da un pretesto qualsiasi. Il pre-testo non è soltanto ogni cosa che stia fuori o prima di qualsiasi libroLeggi di pià a riguardoLa conquista più grande? Desiderare qualcosa senza la certezza d’ottenerla[…]

Condividi
Strategie giovani e digitali per la montagna

Strategie giovani e digitali per la montagna

Sharing economy. Un nome nuovo per un concetto antico che da sempre vive sulle Alpi. È la pratica della condivisione, dell’attività comunitaria capace di ottimizzare le forze in assenza di grandi risorse di proprietà. Nei borghi di montagna si concretizzava nell’uso dei forni in comune, nelle corvèe (i lavori collettivi di manutenzione agricola), nella gestioneLeggi di pià a riguardoStrategie giovani e digitali per la montagna[…]

Condividi