Alta moda. Quando la montagna è in mostra

Cosa succede quando la moda incontra la montagna?

La mostra “Fashion altitude, mode et montagne du XVIIIe siècle à nos jours” visitabile a Grenoble (Francia) fino al 4 marzo disegna un percorso nell’evoluzione delle tendenze della moda alpina. Attraverso capi d’epoca e fotografie, è possibile rivivere l’adattamento degli outfit d’alta quota, dagli albori dell’alpinismo fino al turismo di massa degli anni ‘80.

Moda montagna
A cura della Fondation Glénat, la mostra è ospitata presso il convento di Sainte-Cécile a Grenoble.

Un capitolo particolarmente colorito. Un flash sul nostro passato fatto di tute da sci iridescenti, occhiali specchiati, maglioni tricottati oversize, scarponcini da paninaro. E poi l’icona glam del periodo: i moon boot.
Lo stivale a marchio
Tecnica, re incontrastato del cross over, fortunato nato nell’universo della Pop Art sotto il segno della luna. Una calzatura nuova che tanto piaceva ai bambini, forse per l’interscambiabilità della scarpa. Distinguere destra e sinistra non era più un problema. Ma altrettanto piaceva ai grandi, diventando in brevissimo tempo un oggetto di culto, campione di vendite in tutto il mondo.

moda montagna
Lumbersexual: il nuovo trend.

Il doposci lunare non è solo rivoluzionario, ma anche pioniere.
Segna infatti l’inizio dell’ibridazione tra
stile “montanaro” e urban. Stivali e piumini scendono in città.
Si inaugura una nuova fase che sopravvive tutt’oggi: basti pensare al dilagante
total look boscaiolo con camicia a quadretti in flanella, abbinata rigorosamente a giubbotti con colletto in lana di pecora, calzini in lana pesantissimi; scarponcini da trekking; berretti stile beanies, da indossare con l’immancabile barba lunga.

Ma cosa me ne frega della moda? Questa è l’esclamazione del fidanzato o marito di turno.Eh no. E’ una forma di comunicazione. E comprendere le dinamiche del linguaggio significa padroneggiarlo.Capire come viene percepita la montagna attraverso i media (in senso ampio, dalla pubblicità alla moda passando attraverso i fumetti e i sociale media) è un passo per costruirne un’immagine autentica da trasmettere al pubblico.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accetto il trattamento dei dati secondo la Privacy Policy